ristorante pesce monza

Cassoeula di mare

Ingredienti:

2 kg. di verza

1 carota

1 cipolla

1 gamba di sedano

200 gr. di polpa di pomodoro

Sale e pepe

Brodo di pesce

2 kg. di cozze

1 kg. di vongole

800 gr. di moscardini

8 scampi di pezzatura media

4 calamari

1 kg. di code di gamberi

4 astici

1 spicchio di aglio

1 bicchiere di vino bianco fermo

Olio extravergine di oliva

Timo fresco

 

Procedimento:

 

Taglio le verze, elimino le foglie più esterne e tolgo la parte centrale dura, le sciacquo bene e le metto a scolare.

Prendo una pentola alta e capiente, metto olio extravergine di oliva, taglio finemente la cipolla, il sedano, e la carota, aggiungo le verze, sfumo con il vino bianco e aggiungo la salsa di pomodoro, un pizzico di sale e di pepe e aggiungo il brodo di pesce che ho preparato precedentemente, e faccio cucinare per 90 minuti a fuoco basso. ( se si dovesse asciugare ulteriormente, aggiungere un po’ di brodo.)

Intanto pulisco tutti i pesci: tolgo la peluria dalle cozze, spurgo le vongole, sciacquo i moscardini, taglio i calamari ad anelli, sbuccio le code di gamberi, taglio gli scampi a metà, e gli astici li taglio a metà e tolgo le interiora.

In un tegame basso e largo metto olio extravergine di oliva, aggiungo lo spicchio di aglio schiacciato, metto tutti i frutti di mare che ho ad eccezione delle code di gamberi e degli scampi, faccio rosolare, sfumo con del vino bianco rimasto, sale e pepe, timo fresco e faccio cucinare per 20 minuti. 10 minuti prima di finire la cottura aggiungo le code di gamberi, gli scampi e le verze che hanno quasi ultimato la cottura.

Quando è tutto pronto posso trasportare il tutto in un vassoio da portata sistemando i pesci per bene nel vassoio, oppure metto direttamente il tegame al centro del tavolo e ognuno si serve meglio di ciò che crede. Piatto tipico Lombardo fatto con la carne di maiale, ma trasformato in un piatto di pesce. Buon appetito.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi unirti alla discussione?
Sentiti libero di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *