Trota salmonata all' arancia

Trota salmonata all’arancia

La trota salmonata all’ arancia è un secondo piatto sfizioso e semplice da preparare.

Ingredienti:

1 Trota salmonata da 500 gr.

3-4 cucchiai di panna fresca

Timo fresco

Olio extravergine di oliva

Il succo di 2 arance

Sale e pepe

15 gr. di burro

 

Procedimento:

 

Iniziamo nel pulire e squamare la trota salmonata.

Praticate un taglio nel senso della lunghezza nella parte bassa del pesce, cioè nella pancia, ed eliminiamo le interiora.  Mentre sul dorso da tutti e due i lati con un coltellino strofiniamo in senso contrario per eliminare tutte le squame. Fatto questo laviamo bene il pesce sotto acqua corrente, asciughiamo il pesce con della carta da cucina e all’ interno della pancia mettiamo un po’ di sale, pepe e timo fresco.

Poi prendiamo una pirofila da forno e ci mettiamo un goccio di olio extravergine di oliva, 15 gr. di burro, facciamo sciogliere il burro e ci appoggiamo la trota. La mettiamo in forno a 180° per mezz’ ora e ogni tanto muoviamo la pirofila per staccare il pesce dal fondo senza toccarlo e lo bagniamo col suo stesso liquido di cottura. 10 minuti prima del termine di cottura, aggiungiamo i 3-4 cucchiai di panna fresca e il succo di 2 arance e ultimiamo la cottura.

Quando la trota è pronta la sposto in un piatto da portata decorandola con delle fettine di arance e bagnandola con il suo stesso sughetto di cottura. Buon appetito.

Scialatielli ai ricci di mare

Scialatielli alla polpa di riccio

Ingredienti:

4oo gr. Scialatielli ( per 4 persone)

300 gr. Polpa di riccio

Timo fresco

1 spicchio aglio

Pizzico peperoncino

Un bicchiere vino bianco secco

Prezzemolo fresco

 

Procedimento:

 

Taglio  tutti i ricci che ho a disposizione,  in orizzontale, cercando di stare attenti a non romperli e ne tengo da parte  4 mezzi gusci che mi serviranno dopo per la guarnizione.

Metto in cottura gli  scialatielli  in acqua bollente salata, nel frattempo in una padella grande schiaccio  l’ aglio, un pizzico di peperoncino, e del timo fresco; quando l ‘aglio si sarà imbiondito, lo tiro via e sfumo con del vino bianco e un mestolo di acqua di cottura.

Quando gli scialatielli  sono al dente li tiro via e li aggiungo alla padella, controllo la cottura della pasta e quando è pronta spengo e aggiungo la polpa di riccio. Faccio amalgamare bene il tutto, una spruzzata di prezzemolo fresco e impiatto.

I mezzi gusci di ricci che avevo messo da parte li uso come piatto e dentro ci verso gli scialatielli. La polpa di riccio è cosi’ delicata che si cucina in un attimo. Buon appetito.

 

cucina-regionale

Tutti i venerdi’ la cucina regionale

06/03/15       Serata Pugliese    25,00
– Antipasto di fave e cicoria
– Orecchiette con le cime di rape
– Braciole alla barese

13/03/15 Serata Lombarda 28,00
– Antipasto di polenta e zola
– Risotto alla monzese
– Cotoletta alla milanese

20/03/15 Serata Siciliana 28,00
– Caponata di verdure
– Penne alla norma
– Parmigiana di melanzane

27/03/15 Serata Ligure 25,00
– Zuppa alla mesciua
– Trofie al pesto
– Coniglio alla ligure

Acqua e caffè compreso
Solo su prenotazione

Certifica Qualità farina biologica

Certificato farina biologica

Il Ristorante la Cicala usa esclusivamente farina di tipo biologico.

La farina macinata a pietra conserva le parti del chicco più ricche di sali minerali e vitamine eliminate invece durante la raffinazione.
Il suo maggiore contenuto di fibre alimentari stimola le corrette funzionalità intestinali, contribuendo a mantenerci in buona salute.

La farina macinata a pietra ha caratteristiche organolettiche uniche per profumo e sapori, che ricordano molte le farine di una volta.

Tortelli di patate al ragù di polipo

Tortelli di patate al ragù di polipo

Ingredienti:
400 gr. tortelli di patate
1 kg. Polipo (pezzatura grande)
2 coste di sedano
1 cipolla rossa
2 carote
1 spicchio di aglio
Timo fresco
Pepe nero
1 bicchiere di vino bianco fermo
2 patate farinose

Procedimento:
In una pentola grande piena di acqua metto 1 costa di sedano, 1 carota, mezza cipolla, faccio bollire e aggiungo il polipo, e faccio cucinare per almeno 40 minuti. Quando ha raggiunto la morbidezza che io preferisco aggiungo 2 patate intere e lascio bollire per ancora 10 minuti. Dopo di questo, tolgo il polipo lo sciacquo sotto acqua corrente e tolgo tutta la parte gelatinosa, lo taglio a tocchetti e passo alle patate. Le pelo e le taglio a dadini come preferisco. I tortelli se voglio farli io devo seguire la ricetta dei tortelli di patate, oppure prendo dei tortelli di pasta fresca di ottima qualità, se ne trovano di ottimi in commercio e accellero i tempi. In una pentola di acqua salata faccio bollire e poi aggiungo i tortelli, intanto in una padella con un goccio di olio extravergine di oliva, metto lo spicchio di aglio il polipo che ho tagliato, le patate a dadini, una macinata di pepe nero , del timo fresco e sfumo con del vino bianco. Quando i tortelli hanno cucinato 5 minuti li scolo e li aggiungo al polipo e faccio cucinare insieme il tutto per altri 5 minuti. Impiatto ben caldo e Buon Appetito.

Antipasto di ricci di mare

Antipasto di ricci di mare

Ingredienti:
2 chili di ricci di mare freschissimi
1 limone
Pepe nero

Procedimento:

Dobbiamo semplicemente aprirli in senso orizzontale cercando di non romperli. Con un coltellino facciamo un piccolo buco lateralmente e poi con una forbice da cucina li tagliamo sempre lateralmente tutti intorno fino ad aprirli a metà. Non bisogna lavarli altrimenti si perde il frutto e il profumo di mare. Basta semplicemente spruzzargli un po’ di limone e una macinata di pepe. Buon appetito.

Croccantini di gamberoni con pancetta

Croccantini di gamberoni con pancetta

Ingredienti:

10 gamberoni di pezzatura grande
20 fette di pancetta
Sale e pepe
1 mazzetto di rucola
Timo fresco

Procedimento:
Innanzi tutto bisogna sgusciare i gamberoni cercando di non farli rompere. Dobbiamo solo togliere la crosta dal dorso cercando di non far staccare la testa. Fatto questo li sciacquiamo sotto acqua corrente e li asciughiamo con carta da cucina. Avvolgiamo il gamberone con due fette di pancetta ciascuno, in modo da avvolgere tutto il dorso del gamberone. Dopo aver avvolto tutti i gamberoni, facciamo riscaldare una padella antiaderente e quando è ben calda ci appoggiamo i gamberoni, saliamo e pepiamo, aggiungiamo del timo fresco e li facciamo cucinare da tutti e due i lati. Devono diventare croccanti, la pancetta deve leggermente bruciacchiarsi. Fatto questo, in un piatto da portata, metto della rucola e ci appoggio i gamberoni ancora caldi. Un antipasto sfizioso. Buon appetito.